Histats.com © 2005-2018

Uveite



uvea-anteriore-posterioreL’uveite è un’infiammazione che interessa l’uvea, la tunica vascolare media dell’occhio che si trova tra la retina e la membrana esterna (detta sclera o cornea). Le uveiti cosiddette “pure” sono piuttosto rare, in quanto questo strato ricco di vasi sanguigni serve per la nutrizione di molte parti dell’organo visivo che, durante la sua infezione, subiscono danni anch’esse. Perciò spesso il termine uveite viene utilizzato impropriamente per suppurazioni che si espandono anche alla cornea e alla sclera. Questa malattia viene diagnostica tramite esame oculistico e può affliggere pazienti in qualsiasi fascia d’età con una leggera prevalenza per individui di sesso femminile.

 

 

Forme e classificazione della malattia

L’uvea è formata da tre parti: iride, corpo ciliare e coride. Se la patologia colpisce una di queste assume rispettivamente il nome di irite, ciclite o iridociclite e coroidite. Inoltre si tratta di un disturbo molto complesso pertanto possiede diverse categorie di classificazione che, tuttavia, non ne coprono completamente il quadro diagnostico. L’identificazione, oltre che clinica (in base al decorso), può essere patologica, eziologica e anatomica.

 

Classificazione patologica

Questo parametro suddivide le uveiti in granulomatose e non granulomatose. Nel primo caso il disturbo inizia in modo graduale e può diventare cronico, causando danni alla cornea e lesioni nodulari nella zona posteriore dell’occhio. Nel secondo caso si tratta di uveite acuta, è di breve durata e provoca rossore e bruciore al bulbo oculare.

 

Classificazione eziologica

Questo parametro è molto importante per la scelta della terapia e suddivide le uveiti in infettive e non infettive. Le prime sono causate da germi che possono agire dall’interno in forme endogene o dall’esterno in forme esogene. Se endogene possono essere conseguenti all’azione sistemica o locale di funghi, batteri e virus. Le forme non infettive comprendono uveiti associate a malattie sistemiche immunologiche e il restante 50% da patologie dette “idiopatiche”.

 

Classificazione anatomica

classificazione-uveiti-anteriore-posteriore-intermedia

Secondo questa identificazione l’uveite viene divisa in tre classi in base alla parte anatomica interessata dall’infezione. Distinguiamo quindi uveiti anteriori, intermedie e posteriori. Nel primo gruppo rientrano quelle flogosi che riguardano il lato anteriore del globo oculare e in esso rientrano iriti, iridocicliti e cheratiti. La patologia è detta intermedia quando concerne la parte posteriore dei corpi ciliari e la pars plana, zona agli estremi della cornea. Infine la forme posteriore interessano il segmento posteriore dell’occhio, inoltre secondo il loro posizionamento possono essere definite retiniti, retinocoroiditi e coroiditi. Infine se il disturbo colpisce tutti i segmenti dell’occhio ci troviamo di fronte a panuvenite.

 

Uveite cause

uveite-cause

Le cause dell'uveite sono spesso sconosciute e frequentemente la patologia si verifica in persone  sane.

L'uveite è causata da una risposta infiammatoria all'interno dell'occhio: l'infiammazione è la naturale risposta del corpo al danno tissutale, essa produce gonfiore, arrossamento e calore.

Tuttavia, in circa la metà dei casi, non viene trovata alcuna causa specifica. Questo è noto come uveite idiopatica.

A volte l'uveite può essere associata ad un'altra patologia come una malattia autoimmune o un'infezione da un virus o da un batterio.

Una malattia autoimmune si verifica quando il tuo sistema immunitario attacca una parte del tuo corpo. Il nostro sistema immunitario normalmente produce piccole proteine (anticorpi) per attaccare batteri, virus e altri "germi". Nelle persone con malattie autoimmuni, il sistema immunitario produce anticorpi contro i tessuti del loro corpo, causando danni e infiammazioni. Si pensa anche che l'uveite "idiopatica" possa, di fatto, avere una base autoimmune.

 

 

Le condizioni autoimmuni che possono essere associate a uveite includono:

  • artrite reumatoide;

  • spondilite anchilosante;

  • psoriasi;

  • artrite;

  • colite ulcerosa;

  • Malattia di Kawasaki;

  • Morbo di Crohn;

  • sarcoidosi.

 

Anche le infezioni sono spesso riconosciute come una frequente causa di uveite.

Vari tipi di infezioni causate da germi (batterici, fungini e virali) possono causare infiammazione agli occhi e uveite. Esse includono anche la toxoplasmosi (la causa infettiva più comune di uveite anteriore), l'herpes simplex, l'herpes zoster, il citomegalovirus, la gonorrea , la tubercolosi e la malattia di Lyme. L'HIV e la sifilide sono rare cause infettive.

Esistono anche cause iatrogene di uveite: "iatrogenico" si riferisce a un effetto collaterale imprevisto o inevitabile derivante da un trattamento medico. In questo caso, l'uveite iatrogena è solitamente uveite che è risultata dalla chirurgia oculare.

Alcuni tumori sono associati a infiammazione e uveite. Questi includono la leucemia, il linfoma e il melanoma oculare maligno, ma tutti sono rari cause di uveite.

Inoltre, uno studio recente mostra un'associazione significativa tra uveite e fumo di sigaretta.

 

Uveite sintomi

uveite-sintomi

I segnali di avvertimento di uveite spesso si presentano improvvisamente e peggiorano rapidamente. Includono arrossamento degli occhi, dolore e visione offuscata: la condizione può interessare uno o entrambi gli occhi e i sintomi interessano con la stessa gravità sia persone di età compresa tra i 20 ei 50 anni, così come i bambini.

 

I segni, i sintomi e le caratteristiche di uveite includono:

  • Arrossamento degli occhi;

  • Dolore all'occhio;

  • Sensibilità alla luce;

  • Visione offuscata;

  • Macchie scure e fluttuanti nel tuo campo visivo;

  • Visione ridotta.

 

La pupilla dell'occhio interessato può cambiare leggermente forma e non reagire adeguatamente alla luce (normalmente diventa più piccola) o potrebbe perdere la sua forma arrotondata, l'occhio tende in alcuni casi a  diventare acquoso.

I sintomi tendono a svilupparsi nell'arco di poche ore o giorni.

A parte il rossore degli occhi, gli unici altri segni visibili di uveite sono microscopici e possono essere visti soltanto da un oculista o optometrista utilizzando un microscopio a lampada a fessura.

I globuli bianchi infiammatori possono essere visualizzati all'interno e intorno all'uvea.

 

Uveite anteriore e posteriore

uveite-cos-e

Esistono molti tipi di uveite.

Ogni tipo è classificato in base alla localizzazione specifica dell'infiammazione ossia l'area oculare interessata ne determina la differente tipologia.

In particolare l'uveite si può distinguere in:

 

  • Uveite anteriore (parte anteriore dell'occhio)

L'uveite anteriore viene spesso definita "irite" perché colpisce l'iride. L'iride è la parte colorata dell'occhio vicino al fronte. L'irite è il tipo più comune di uveite e generalmente si verifica nelle persone sane. Può interessare un occhio o può interessare entrambi gli occhi contemporaneamente. L'Irite è solitamente il tipo meno grave di uveite.

 

  • Uveite posteriore (parte posteriore dell'occhio)

L'uveite posteriore è la forma meno comune di uveite, può anche essere chiamata coroidite perché colpisce la coroide. Il tessuto e i vasi sanguigni della coroide sono importanti perché trasportano il sangue nella parte posteriore dell'occhio. Questo tipo di uveite di solito si verifica in persone con un'infezione da virus, parassiti o funghi. Può anche verificarsi in persone con una malattia autoimmune.

L'uveite posteriore tende ad essere più grave dell'uveite anteriore perché può causare cicatrici nella retina. La retina è uno strato di cellule nella parte posteriore dell'occhio.

 

  • Uveite intermedia (centro dell'occhio)

 L'uveite intermedia interessa la parte centrale dell'occhio ed è anche chiamata iridociclite. La parola "intermedio" nel nome si riferisce alla posizione dell'infiammazione e non alla gravità della patologia.. La parte centrale dell'occhio comprende la pars plana, che è la parte dell'occhio tra l'iride e la coroide. Questo tipo di uveite può manifestarsi in persone sane, ma è stato collegato ad alcune malattie autoimmuni come la sclerosi multipla. 

 

  • Pan-uveite (tutte le parti dell'occhio)

Quando l'infiammazione colpisce tutte le parti principali dell'occhio, si chiama pan-uveite. Spesso implica una combinazione di caratteristiche e sintomi di tutti e tre i tipi di uveite.

 

I sintomi comuni dell'uveite anteriore sono in genere:

  • Dolore oculare (solitamente sentito come un dolore sordo dentro e intorno all'occhio);

  • Arrossamento degli occhi;

  • Fotofobia.

 

L'uveite intermedia causa una visione offuscata indolore, è insolito invece sperimentare la fotofobia e il rossore oculare.

L' uveite posteriore si manifesta comunemente con offuscamento indolore della visione. In alcune persone, può causare gravi perdite visive.

 

 

Uveite: farmaci, cure, terapie

uveite-cure-terapie-collirio

Il trattamento per l'uveite mira ad alleviare il dolore e il disagio negli occhi, a trattare qualsiasi causa sottostante (se possibile) e a ridurre l'infiammazione.

Ciò potrebbe impedire la perdita permanente della vista o altre complicazioni.

 

Il trattamento dell'uveite di solito include:

  • Collirio steroideo

Le gocce oculari steroidee sono solitamente utilizzate per ridurre l'infiammazione nell'uveite e rappresentano il trattamento principale per l'uveite e spesso l'unico utilizzato in caso di attacchi lievi. Esempi di gocce steroidee includono collirio di prednisolone e desametasone.

Anche se i colliri steroidei di solito funzionano bene, in alcuni casi si verificano effetti collaterali e questi a volte sono gravi, per questo motivo queste gocce sono solitamente prescritte solo da un oculista che può monitorare la situazione.

È particolarmente importante essere sicuri di non avere l'infezione dell'herpes simplex virus prima dell'uso di steroidi.

Possibili effetti collaterali che a volte si verificano comprendono ulcere sulla cornea dell'occhio, che possono essere molto dolorose e influenzare la visione.Se i colliri steroidei vengono utilizzati per lunghi periodi di tempo, possono portare ad un annebbiamento della vista (cataratta) o ad una pressione elevata nell'occhio (glaucoma).

 

  • Collirio ciclopico

Si tratta di colliri che alleviano il dolore provocando la dilatazione della pupilla rilassando il muscolo nel corpo ciliare, di conseguenza permettono all'iride infiammata di riposare e recuperare. Esempio di questa tipologia di colliri sono atropina e ciclopentolato.

Anche in questo caso possono verificarsi alcuni effetti collaterali, come una visione offuscata temporanea e difficoltà di messa a fuoco.

Quando l'effetto delle gocce svanisce, questi effetti collaterali scompaiono.

 

  • Antidolorifici

Antidolorifici, come il paracetamolo, possono essere d'aiuto per attenuare la sintomatologia dolorosa dell'uveite.

 

  • Steroidi per via orale o per iniezione

Nelle uveiti gravi, gli steroidi vengono talvolta somministrati nell'occhio o intorno ad esso tramite iniezione. Possono anche essere somministrati per via orale.

Se usati a lungo termine essi possono avere effetti collaterale come "assottigliamento" delle ossa (osteoporosi), assottigliamento della pelle, aumento di peso, atrofia muscolare e un rischio generalmente aumentato di infezione.

 

  •  Farmaci immunosoppressivi

Se è necessario un trattamento con steroidi a lungo termine per trattare l'uveite, può essere usato un secondo farmaco noto come medicinale immunosoppressivo.

Questo può aiutare a ridurre la quantità di steroidi necessari e / o aiuta a controllare l'uveite se gli steroidi non funzionano.

 

  • Agenti biologici

Ci sono una serie di nuovi trattamenti per l'uveite che sono attualmente oggetto di indagine. Questi includono medicinali chiamati alfa-bloccanti del TNF, come etanercept e infliximab.

 

  • Chirurgia

Occasionalmente, è necessario un intervento chirurgico per trattare l'uveite - solitamente uveite persistente (cronica). La chirurgia è utilizzata in aggiunta agli altri trattamenti sopra menzionati. In quanto l'uveite non può essere trattata con il solo intervento chirurgico.

La chirurgia può anche essere usata per trattare la cataratta o il glaucoma che possono verificarsi come conseguenza del trattamento con steroidi.

 

Uveite: rimedi naturali

uveite-rimedi-naturali

L'uveite richiede un trattamento medico convenzionale rapido per migliorare e per evitare la perdita della vista.

Tuttavia, i trattamenti naturali per l'uveite possono offrire sollievo dai sintomi.

È possibile utilizzare terapie naturali per aiutare a trattare le condizioni sottostanti che hanno portato all'uveite (come il morbo di Crohn o l'artrite) o per sostenere la salute generale degli occhi e ridurre l'infiammazione.

 

Le opzioni naturali per la gestione dei sintomi di uveite includono:

  1. Impacchi caldi o freddi per alleviare il dolore o il gonfiore;

  2. Occhiali da sole per proteggere gli occhi se sono sensibili alla luce;

  3. Un multivitaminico quotidiano. La vitamina C (500 microgrammi due volte al giorno) e la vitamina E (100 microgrammi due volte al giorno) possono ridurre i sintomi di uveite anteriore se assunti insieme al trattamento convenzionale;

  4. Integratori di curcuma. Gli antiossidanti nella curcuma (per esempio, un estratto di curcuma nella dose di 300 microgrammi, tre volte al giorno) possono aiutare il sistema immunitario a combattere l'uveite cronica;

  5.  Integratori di acidi grassi omega-3, questi possono ridurre l'infiammazione e rafforzare il sistema immunitario;

  6. Supplementi di luteina per sostenere la salute generale degli occhi;

  7. Una dieta che supporta la salute degli occhi ossia concentrarsi su alimenti ricchi di antiossidanti come mirtilli, verdure a foglia verde, pomodori, peperoni e ciliegie.Mangia una carota tutte le sere e durante il giorno introduci nella tua alimentazione cipolla e rafano;

  8. Aglio. L'aglio è un vero trattamento naturale per l'uveite: dopo ogni pasto ingoiare 3-4 spicchi d'aglio tagliati a metà, proprio come fossero pillole;

  9. Barbabietola rossa. L'erba di barbabietola svolge un ruolo fondamentale nel trattamento di uveite. Assumi una tazza di barbabietole bollite o al forno su base giornaliera;

  10. Tè di celidonia. Assumere 30 ml di tè di celidonia dopo ogni pasto preparandolo come segue: lasciare in infusione un cucchiaino di infuso in un litro di acqua bollente. Lasciare raffreddare il tè, quindi versarlo in una bottiglia di vetro e berla;

  11. Papaia. Utilizza il purè di papaia matura per trattare gli occhi gonfi. Applicare l'impacco per 15 minuti due volte al giorno.

Il tuo peso ideale ora!

Unghie gel perfette!

Denti bianchi senza sforzi

Rimedi amenorrea

Rimedi calvizie

Rimedi colite

Il miglior Contorno occhi

Rimedi gastrite

Non voglio brufoli!

Demenza senile

Cura per il mal di gola

Linfonodi: cosa sono?

Il morbillo: Le info!

Rimedi periartrite

Rimedi stitichezza